Imparare coi Librigame

Con la ripartenza della scuola, molti docenti e genitori potrebbero trovarsi ad affrontare un problema atavico: la mancanza di interesse da parte dei ragazzi nei confronti della lettura.

Questa attività, fondamentale per lo sviluppo di numerose capacità cognitive, tra le quali ovviamente la proprietà di linguaggio, la comprensione del testo, l’analisi critica e molte altre, è spesso osteggiata dalle caratteristiche stesse del mezzo scritto al quale molti giovani non sono più abituati.

Spesso i ragazzi, infatti, sono ormai assuefatti a quegli strumenti più moderni quali il medium visivo e, soprattutto, videoludico che offrono notevoli vantaggi rispetto a un libro: le informazioni sono veicolate più rapidamente, attraverso numerosi differenti sensi ( e di conseguenza, da un certo punto di vista, più complete), e, specialmente per quanto concerne i videogiochi, hanno una maniera unica di coinvolgere l’utente.
Il gioco infatti, a differenza degli altri medium, è uno strumento interattivo nel quale l’elemento decisionale del giocatore ha un’influenza sull’evolversi degli eventi, conferendo all’utente un senso di soddisfazione nel poter agire all’interno del mondo di gioco, modificarlo attraverso le sue scelte e, in ultima analisi, permettere al giocatore di vivere il ruolo del protagonista della storia.

Questo feeling insostituibile, apparentemente mal riproducibile da uno strumento di narrazione tradizionale come un libro o un film, è stato tuttavia introdotto all’interno di questi medium già da molto tempo attraverso le cosiddette storie a bivi.

Una storia a bivi si prodiga di inserire, all’interno di una storia, la possibilità da parte del lettore di alterarne l’esito, andando a effettuare delle scelte tra un certo numero di opzioni proposte in momenti chiave della narrazione che si ripercuotono sulla trama, trasformando a tutti gli effetti la storia in un gioco.

Esistono numerosi vari esperimenti a riguardo, dai fumetti a bivi di Topolino fino al tentativo della serie Black Mirror di Netflix, ma i più famosi e diffusi sono indubbiamente i librigame o librigiochi.
Questo connubio tra gioco e libro, molto in voga negli anni ’80 soprattutto grazie a saghe estremamente fortunate come Lupo solitario, ha avvicinato molti alla lettura e all’amore per il suo genere di riferimento storico, il fantasy.

Non molti però sanno che, negli ultimi anni, vi è stata una florida rinascita di questi prodotti che ha dato spazio anche a testi di un certo interesse storico e letterario.
Questi titoli, a mio parere, potrebbero essere molto utili per rendere interessanti determinati argomenti , soprattutto per le giovani generazioni.

Ho dunque deciso di preparare questo articolo andando ad elencare quelli che sono i libri game attualmente disponibili, in commercio o in forma gratuita, che possano essere più utili a studenti, docenti e genitori per avvicinare i giovani a specifici argomenti di storia e di letteratura.

Prima di entrare nello specifico, faccio notare che esistono molte saghe non più edite ambientate in epoche storiche, come la saga di Grecia Antica o la serie Time Machine, nel quale i giocatori erano ragazzi intrappolati in loop temporali dai quali dovevano uscire raccogliendo informazioni in epoche diverse: si tratta purtroppo di titoli non più in commercio, disponibili solo nel mercato dell’usato e non sempre a buon prezzo.

Antico Egitto

La casa produttrice Aristea ha recentemente pubblicato il titolo Dopo Tutankhamon di Matteo Cresci: il giocatore vestirà i panni di Ramose, un giovane egiziano del XIII secolo avanti Cristo intenzionato ad impadronirsi dei tesori nascosti nella tomba del faraone.

Il titolo, oltre a essere disponibile sui tradizionali, si trova perfino in vendita al museo Egizio di Torino: questo perché il libro è estremamente curato dal punto di vista storico, grazie anche alla collaborazione con la dr.ssa Marta Valerio (ricercatrice ed egittologa del museo), e contiene alcune chicche come un dizionario in fondo al libro che spiega i termini tipici della cultura egiziana usati nell’avventura. 

Potete trovare Dopo Tutankhamon qui.

Antica Grecia

Proseguendo con l’antica Grecia, il principale riferimento è ad oggi la serie Hellas Heroes di Edizioni Librarsi, opera di Mauro Longo (scrittore ed esperto di librigiochi e giochi di ruolo, con saghe fortunate come quella del Mondo Macabro e di Brancalonia) e Francesco di Lazzaro (che incontreremo anche più avanti).

I due titoli (di quattro previsti) ad oggi usciti, Le Fatiche di Autolico e l’Audace Colpo del Vello d’Oro, ripercorrono le storie di Autolico, un personaggio minore della mitologia greca: re dei ladri, figlio di Ermes e nonno di Ulisse, noto per il fantomatico furto dell’elmo di Amintore.

Nelle sue peripezie, Autolico incontrerà numerosi dei ed eroi della mitologia greca, percorrerà in lungo e in largo le reali regioni e città dell’Ellade e affronterà creature mitologiche con l’aiuto delle ninfe e di altri eroi dell’antichità come lui.

I due giochi sono molto piacevoli per la narrazione fresca e ironica, ma anche molto corretta sia nella forma italiana e coerente con la storia e l’epica, con un sistema di regole snelle ed efficaci ma al contempo molto divertenti. 

Potete trovare qui Le Fatiche di Autolico e qui L’audace colpo del Vello d’oro.

Screenshot Image

Sempre in ambito di mitologia greca, non possiamo non citare “Eracle, Nascita di un eroe” di Gilbert Gallo, già araldo della cultura ellenica con il suo gioco di ruolo Mythos.

Questo librogame non è cartaceo, ma si presenta come un’applicazione della serie Infinity Mundi: questo formato permette di automatizzare tutti i classici processi di tiri di dado e gestione degli oggetti posseduti, lasciando al giocatore la possibilità di un’immersione completa.
Inoltre, la tecnologia permette di inserire scelte a tempo, elementi interattivi e di evitare di mostrare i paragrafi proibiti dalle proprie scelte, evitando spoiler.

Lo stesso autore ha anche pubblicato due romanzi della stessa serie su kindle: Fuga verso Delfi e il Regno della Sfinge.

Potete trovare qui Eracle – Nascita di un Eroe e qui Fuga verso Delfi e Il regno della sfinge

Antica Roma

Screenshot Image

Per quanto riguarda il mondo romano, anche qui abbiamo un’applicazione-librogame: “I misteri delle catacombe”.
Il gioco è stato ideato, tra gli altri, da Andrea Angiolino, uno dei più importanti ludologi nazionali che ha prodotto, tra i vari, un gioco di ruolo sull’Orlando furioso prodotto e distribuito gratuitamente dal comune di Roma.
In “i misteri delle catacombe”, pensato per un pubblico giovane, il giocatore scoprirà la vita dei fanciulli nelle strade della roma imperiale.

Potete acquistare qui I Misteri delle Catacombe

Sempre dello stesso periodo storico abbiamo un gioco disponibile gratuitamente, per solo uso personale, nella sezione Download di Librogame’s Land, il sito di riferimento dei libri giochi in italia.

“La Serpe in seno” di Fabio Rampini vi metterà nei panni di un giovane legionario stanziato in Dacia che dovrà svelare un pericoloso intrigo.

Trovate il gioco a questa pagina di Librogame’s Land

Il Medioevo

Dopo la caduta dell’impero romano, nell’alto medioevo, troviamo la piccola opera gratuita Uthred l’Impavido“, opera del maestro di storia e geografia Silvano Oracolo, ambientato in un’Inghilterra parzialmente occupata dagli scandinavi.
Il titolo è nasce dal concetto di Foglio Gioco, un format di avventura a bivi in un solo foglio A4 fronte retro proposto da Librogame’s Land in un concorso vinto da me e da Elisa, la mia futura moglie, nel 2019. Anche Silvano ha partecipato al concorso con “La Strada verso Kiev” fino a sviluppare questo lavoro.

L’opera di Oracolo sfrutta uno specifico sistema di gioco chiamato “Dauntless” e si dirama in quattro pagine dense di paragrafi e che sfruttano una mappa dal design grafico intelligente per permettere un’esperienza ben più lunga e profonda di quanto sembri, nonchè numerose parole chiave per diramare lo svolgersi dell’avventura.

Silvano, per il suo lavoro, si è ispirato a romanzi storici e serie TV come Vikings e Last Kingdom e ci ha segretamente raccontato di aver altre avventure storiche in serbo per il futuro…

Potete scaricare gratuitamente “Uthred l’Impavido” sul gruppo Eduplayers che trovate a questo link

Andando poi avanti nel tempo, non posso non citare “il Sabba Nero” di Lorenzo Trenti, edito da Dedalo Edizioni.
In questo libro game il protagonista è l’inquisitore Nicolas Eymerich, personaggio storico catalano già ritratto da Valerio Evangelisti sia in forma di romanzo, che in radio, televisione e persino in un vidoegioco.
Trenti fa un eccellente lavoro di ricerca andando a citare veri documenti e bolle papali di metà del ‘300 e riproponendo le vicende dell’investigatore domenicano all’interno di una cornice molto verosimile del medioevo di quel tempo, con tutte le sue peculiarità, sfaccettature e contraddizioni.

Concludo a riguardo dicendo che, al termine del tomo, si trova il famoso foglio gioco che ci è valso la vittoria al concorso di Librogame’s Land.

Potete acquistare “il Sabba Nero” a questo link.

Sempre ambientato in un medioevo un po’ fantastico, Vivi e Lascia Risorgere del Mondo Macabro del già citato Mauro Longo, prodotto da Acheron Books, vi porterà nella campagna toscana, precisamente nella Certaldo medievale assediata dagli Zombie!

La saga del mondo macabro continua anche con il gioco di ruolo Ultima Forsan, il romanzo Guiscardi senza Gloria e altri librigiochi editi da SpaceOrange42, nei quali il giocatore interpreterà il coraggioso (o la coraggiosa) Civetta l’acchiappamorti nelle sue avventure attorno al mediterraneo.

Potete acquistare qui Vivi e Lascia Risorgere, qui il romanzo Guiscardi senza Gloria e trovate lo shop di SpaceOrange42 per qui gli altri librigame

Epoche successive

Watson Edizioni ha pubblicato ben 3 libri game ispirati invece ai romanzi gotici del passato ed ambientati nelle rispettive epoche: si tratta di Jekyll and Hyde (di Enrico Corso e Marco Zamanni), Sherlock Holmes: prima con delitto (di Alberto Orsini) and Carmilla (del già citato Francesco di Lazzaro).

Tutti e tre i libri presentano un interessante affinità con le storie originali, associata a un sistema di regole snelle focalizzate sull’esplorazione e sull’ investigazione più che sul vero e proprio scontro violento, cosa che rende i libri non solo di notevole pregio dal punto di vista letterario ma anche più interessanti a un pubblico lontano dal mondo ludico.

Potete acquistare a questi link Jekyll and Hyde, Sherlock Holmes: prima con delitto e Carmilla

Se poi vi interessa un futuro prossimo distopico, che verte su temi di attualità caldi, vi invito a provare Fortezza Europa – Londra, di Marco Zamanni, presente sia in formato digitale a cura della già citata Infinity Mundi che in formato fisico.

Zamanni affronta temi complessi come l’immigrazione, i problemi del sistema giudiziario e i complessi equilibri politici, il tutto in salsa investigativa.

Sempre dello stesso autore, assieme a Luca Lorenzon, è uscito da pochissimo Cupe Vampe, librogame che contiene quattro storie a tema “biblioteche” tra cui una ambientata durante la distruzione della biblioteca di Sarajevo nel ’92.

Potete acquistare qui Fortezza Europa – Londra qui e qui Cupe Vampe.

Se questo articolo ti è piaciuto, seguici su facebook e su ludomedia e dai un’occhiata anche ai seguenti articoli:

-Il gioco di ruolo a scuola
-Imparare dai giochi
-Draghi realistici – Darwin Fantasy
-Vichinghi realistici – Assassin’s Creed Valhalla
– 5 miti sull’arco medievale

  1. Salvatore Mascaro

    Complimenti per l’iniziativa.
    Mi permetto di suggerire, a tal proposito, un mio libro-game appena uscito e in concorso al premio Andersen 2021.
    L’obiettivo dichiarato è quello di avvicinare, in forma di gioco, i ragazzi ai grandi classici della letteratura: “La ricerca del tempo perduto” di Proust, “Moby Dick” di Melville, “La fattoria degli animali”, ma anche romanzi più moderni come “Kafka sulla spiaggia” del giapponese Murakami. La protagonista del libro-game “Lucia Amaranta e i tuffi nell’inchiostro senza fine” ha una missione da compiere e, per farlo, deve appunto tuffarsi in questi classici e in alcuni fumetti del dopoguerra italiano (es. “Cocco Bill” di Jacovitti e interagire con i loro personaggi: il comandante Achab, la marchesa di Villeparisis, il maiale Napoleon e tanti altri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *