5 errori sulle armature in Dungeons & Dragons

pubblicato in: Spade & Magie | 7

Io, che non so spendere i soldi

Come alcuni di voi sapranno, apprezzo molto quelli che sono i processi che rendono più accessibile un concetto o uno strumento, per primo ovviamente il gioco come strumento educativo.
Sono stato attirato dall’uscita di un paio di libri per ragazzi a tema Dungeons & Dragons, ad ora solo in inglese, sviluppati più per questioni di “flavour” e che non introducono elementi regolistici in se, bensì tutto ciò che gira attorno ad essi. Per fare un esempio concreto, vi dirò che, spendendo ben 7 euri sonanti, ho acquistato per pura curiosità la versione kindle di uno di questi due prodotti: “Warriors and Weapons“.


Il libro è molto gradevole e ve lo consiglio caldamente: introduce sia elementi storici che novità dell’ultima edizione di D&D, la quinta, che ho avuto modo di provare qualche anno fa ma che non ho mai approfondito attentamente.
Accanto dunque a creature fantastiche come Kenku, colpiti da una maledizione che danneggia la loro creatività e gli impedisce di avere una “loro” voce ma poter replicare qualsiasi altro suono sentito in precedenza (geniale!), il libro propone l’equipaggiamento che tali avventurieri portano con se.

E quì casca l’asino.

Premettendo che D&D è un gioco fantasy e, nel suo mondo fantasy, può fare un po’ quello che gli pare, è pur vero che alcuni elementi, ispirati al medioevo reale, nascono da incomprensioni ed errori.
Oltre alle solite spade larghe come una moto di grossa cilindrata, D&D tende a essere molto fantasioso nella descrizione e applicazione delle sue armature: è arrivato tempo di fare chiarezza,

Ma prima, come funziona un’armatura?

Abbiamo già visto in questo precedente articolo come i materiali determinino il funzionamento di un’armatura.

I materiali morbidi sono in grado di attutire il colpo e disperderne l’energia, mentre i materiali duri sono più difficili da perforare. Storicamente un’armatura di metallo veniva sempre indossata sopra uno strato morbido, e dunque beneficiava dell’effetto combinato di questi due fenomeni.

Ouch

Prima di lanciarsi alla scoperta delle armature di D&D, è bene però ricordare che non tutte le armature dello stesso tipo sono uguali: se questa semplificazione, in un gioco, è comprensibile (e forse auspicabile), nella realtà la qualità dell’armatura varia molto le performance della stessa. Una cotta di maglia rivettata di acciaio temprato avrà un’efficacia decisamente superiore a una di ferraccio con anelli chiusi con un semplice colpo di martello. Quella dell’immagine è molto probabilmente del secondo tipo.

Dopo aver chiarito questi due semplici concetti, andiamo un po’ ad analizzare le follie di Dungeons & Dragons…

5 – Armatura imbottita

Povera armatura imbottita: relegata a essere una scelta per popolani e fornire meno classe armatura del più piccolo degli scudi! Ma davvero si trattava di un’armatura così terribile?
Storicamente, l’armatura imbottita è presente per tutta la durata del medioevo con vari nomi (gambesone, aketon, padded jack ecc). Si trattava di una protezione formata da numerosi strati di lino, cuciti uno sopra l’altro: le migliori potevano raggiungere anche i 30 strati!
Le versioni più sottili venivano portate sotto altre armature, mentre le più spesse venivano usata in maniera indipendente: si trattava di armature molto diffuse, ottime per i climi freddi, relativamente economiche e facili da riparare (“bastava” ricucirle).

La loro capacità in battaglia era migliore di quanto si potesse immaginare: potevano essere infatti in grado di bloccare i fendenti di spada nonché le frecce che, se non perfettamente dritte, potevano essere imbrigliate dagli strati del gambesone. La consistenza rendeva queste protezioni ottime contro le armi da impatto (che in battaglia venivano infatti usate specificatamente contro bersagli in armatura pesante).
Ovviamente non erano le armature migliori di tutte: il tessuto, infatti, è relativamente efficace contro fendenti di taglio e punte cilindriche, ottime invece contro la cotta di maglia, ma può essere facilmente perforato da armi sufficientemente affilate, soprattutto in affondo, o da differenti punte di freccia.
Il gambesone insomma è un’armatura di qualità media, sicuramente non bassa, che comporta numerosi vantaggio tra i quali quello di essere decisamente più comodo da portare e silenzioso delle armature di metallo.

4- Corazza a striscie

Il nome fantasioso appioppato a questa armatura deriva forse dalla volontà di non chiamarla col suo nome originale a causa della confusione che creerebbe (e dunque è, sostanzialmente, una buona idea).
Si tratta infatti di una Cotta di piastre: ne cotta di maglia, ne armatura di piastre, questa difesa nasce intorno al 1200 andando a posizionare lamine di metallo all’interno di un indumento di cuoio o tessuto simile al surcotto, l’abito portato al di sopra della cotta di maglia che sfoggiava, di solito, le effigi o i colori della fazione del cavaliere.

Una cotta di piastre. In questo caso le piastre sono “dentro” il tessuto. Vi ricorda qualcosa? Non temete, ci stiamo per arrivare…

Si tratta dell’antesignano della corazza a piastre vera e propria, quella composta di larghe porzioni di metallo adattate alle forme del guerriero. Nella cotta di piastre, il metallo poteva essere esposto o coperto dal tessuto: si tratta di un’armatura dalle ottime capacità difensive, che nel corso dei decenni ha assunto forme e lunghezze differenti, andando a coprire la parte superiore o anche inferiore del corpo e comunemente indossata assieme alla cotta di maglia.

3 – Armatura di cuoio

La diffusione dell’armatura di cuoio è un tema caldo nel mondo dell’archeologia medievale: abbiamo pochi esemplari rimasti in occidente e dalla struttura ben diversa dalla rappresentazione fantasy.
Quello che indubbiamente esistevano erano protezioni per le braccia o le gambe fatte di cuoio indurito.
Numerosi test sono stati fatti di recente per provare l’utilità o meno del cuoio come forma di protezione, mostrando risultati similari a quelli di alcuni tipi di armatura imbottita.

Risultati immagini per valkenburg armor
Un raro caso di armatura di cuoio medievale trovata a Valkenburg, olanda

La scarsa diffusione probabilmente è da additarsi, a parità di efficacia, al costo di produzione decisamente maggiore del cuoio rispetto al lino: tuttavia ci sono arrivati molteplici artefatti di cuoio del periodo medievale, ma solo una manciata di armature.
A difesa di D&D, possiamo dire però che armature composte da lamelle di cuoio erano diffuse in epoca classica e, al di fuori del contesto europeo, anche successiva: sarebbero risultate più comode e silenziose rispetto a un gambesone? A voi la scelta!

2 – Armatura di Cuoio Borchiato

Ora che avete la vostra meravigliosa armatura di cuoio, decidete di prendere delle borchiette e metterle quà e la: per un pugno di monete avete acquisito un punto di classe armatura.
Non sembra molto realistico, vero?
L’armatura di cuoio borchiato è probabilmente un’incomprensione storica nata da immagini come la seguente… ma senza aver dato un’occhiata all’interno!

Si tratta di una Brigantina, un’armatura diffusa fra la fanteria del rinascimento: si tratta di una evoluzione della cotta di piastre alternativa alla classica corazza di piastre esposte “alla milanese”, ma più pratica, leggera, maneggevole, economica e flessibile.
Nonostante questo, si tratta di una corazza molto superiore a quella di cuoio, seconda sola alle classiche armature da cavaliere. Alla faccia dell’armatura leggera!
In ogni caso tali armature appaiono solo nel rinascimento, in un epoca di declino delle armature dove sopravvive accanto alle armature di piastre più pesanti e andrà comunque rapidamente a scomparire.

Attacco a sorpresa!

AHA! Vi aspettavate l’ultimo punto? Questo attacco a sorpresa serve per ricordarvi lo scopo di questo progetto.
Eduplay vuole diffondere cultura, soprattutto scientifica, attraverso l’analisi di giochi e fiction: si tratta di un tema a me molto caro, soprattutto come docente. 
Il progetto sta crescendo, ma ha bisogno anche del tuo aiuto: seguici su Facebook oppure su Instagram per permetterci di continuare questo lavoro semplice, bello, utile.

1 – Armatura di anelli

Da non confondere con la cotta di maglia, questa armatura ha una storia molto divertente: si tratta di una corazza la cui esistenza fu supposta, nel periodo Vittoriano, a seguito di un’interpretazione sbagliata delle raffigurazioni dell’Arazzo di Bayeux (quello famoso in cui viene rappresentata la vittoria a Hastings di Guglielmo il conquistatore, che diventerà così signore dell’Inghilterra).
Si sarebbe trattato di un’armatura composta da grossi anelli di metallo cuciti all’interno di un supporto di cuoio.
L’idea di usare supporti metallici all’interno di un substrato più leggero è, come abbiamo già visto dalla cotta di piastre, ampiamente percorribile e l’anello come struttura basilare dell’armatura è funzionale come ben dimostra la cotta di maglia: tuttavia, anelli troppo grossi perdono completamente di efficacia.

Una riproduzione moderna, indubbiamente fashon

Un colpo di affondo, infatti, anche colpendo l’anello verrebbe deviato sul tessuto circostante non protetto, perforandolo con facilità: un’armatura del genere sarebbe di poco più efficace di una semplice protezione di cuoio, ma risulterebbe inutilmente più pesante. Per ottenere una reale protezione dagli anelli, essi devono essere diffusi, in grande quantità, ben uniti fra loro e sufficientemente piccoli da fermare l’avanzata delle punte.

Inutili armature!

La fiction ci mostra spesso le armature come entità letteralmente inutili, perforate come fossero di burro da ogni minima spadata. Ma il gioco di ruolo più importante di sempre riesce in un’impresa ancora più ardua: proporre armature dalle statistiche talmente sconvenienti (come la sopra citata armatura imbottita, più altri esempi che mi sovvengono dalle precedenti edizioni) da far venire voglia di andare in giro ignudi!
Quali sono le vostra esperienze con le armature? Fatecelo sapere su  Facebook

Se volete un approfondimento sulle armature vi consiglio questo interessante articolo di Grappa e Spada

Se ti è piaciuto questo articolo, ti consiglio di leggere il seguente:

5 falsi miti sulla spada medievale

7 Responses

  1. Gioacchino

    Ma.. e le altre armature arriveranno successivamente? Corazza a scaglie, armatura conpleta eccetera?

    • Prof. Marrelli

      Avremo modo di parlare anche di quelle, nel frattempo c’è diverso materiale interessante sulle spade e altri articoli in arrivo 🙂

  2. Luca

    L’errore di fondo sta nel considerare il cosiddetto fantasy come una simulazione del medioevo, mentre l’operazione del fantasy è quella di prendere i temi considerati più suggestivi per un potenziale lettore (o giocatore in questo caso) elaborandoli però in maniera differente. Posso capire che una scintillante armatura in acciaio faccia più gola di un anonimo gambesone…nel fantasy ci sta. Il problema è di chi ci si approccia senza un minimo di compiti in storia alle spalle e prende tutto per buono.

  3. Massimiliano

    Interessante. Cosa ne pensa invece del fatto che l’armatura in D&D contribuisca solo a non essere colpito e non a ridurre i danni subiti? E’ realistico o almeno accettabile?

    • Prof. Marrelli

      La faccenda è complessa: lo scopo principale dell’armatura è ridurre i danni e trasformare colpi letali in colpi unicamente “affaticanti”.
      L’uso dell’armatura come probabilità di non essere colpito potrebbe essere giustificata se, nel caso in cui si è colpiti, si perdesse in qualche modo stamina.
      Cosa che non avviene:se i Punti Vita fossero il livello di “freschezza e fiato” del personaggio, andrebbero persi se un colpo ben assestato cadesse sull’armatura.
      Dunque l’attuale descrizione è poco realistica: c’è d’altra parte da dire che è molto ben incasellata all’interno del sistema di gioco, e una modifica sconvolgerebbe tutti gli equilibri interni.

  4. William Marchesini

    Sto lavorando ad un progetto personale di scrittura fi un gdr, e sto valutando con attenzione questi articoli, soprattutto considerando cje mi sto ispirando al gdr di the Witcher, le consiglio di dargli un occhiata, è molto interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *